In quel sporco granar de gran palasso
gh' un demonio de rati che rebuta!
Da un pare vecio e da una mare bruta
sempre malada, sora un leto strasso

dove a la note, par scaldarse, in fasso
la fameieta se ransigna tuta,
Carboneta l' nata par la suta,
co una voia de fraga soto al brasso.

Carboneta, savio, no l'ha g' vissi,
e gnanca un specio da speciarse el viso,
e gnanca un fero da stocarse i rissi;

ma i cavei carbonela e i oci neri,
dove sluse un canton de paradiso,
con qualche teraina de pensieri.

EL PARE

"Carboneta to mama l' malada,
va a la filanda a guadagnar qualcosa..."
E Carboneta la se mete in strada
e la sta fora fin su la tardosa.


'Na sera, termin la so giornada,
la porta a casa un bocolo di rosa..

EL PARE

Ehi, Carboneta, sito innamorada?

CARBONETA

Sior no, sior no....

EL PARE

Busiara, vergognosa!...
I vegnudi a contarme, che i t'ha visto
col capo-sala...

CARBONETA

No, che non l' vera!...

EL PARE

Carboneta, te digo che i ta visto.

Passa i giorni - Una note, de scondon,
el capo-sala el l'ha but par tera
soto un mucio de bale de coton...

Da quela volta non l' sta pi ela,
ma gh' vegnudo tanto male al cor,
che l' ridota come una candela,
come una rama che l'ha perso el fior...

Ghe restado i cavei de carbonela,
ma drento i oci s' smors el slusor...
Ehi, Carboneta, dunque come la?
Ah la risponde , se el savesse, sior!

------------

Se sente un urlo! - Oh quanto, quanto mal!
Co un brasso in tochi e col facin stravolto
i porta Carboneta all'ospedal!....

Maledeta filanda! A passo a passo,
quel'ingranaio che l'onor g' tolto,
quel'ingranaio el ga robado un brasso!
 

 

 


 

 

     

 

 

 

HOME

 

 

 

Copyright 2010 Webmaster Paolapaola